Jack London, ancora incipit americani

Jack London          (1876-1916)

 

 

The call of the wild
Buck did not read the newspapers, or he would have known that trouble was brewing, not alone for himself, but for every tide-water dog, strong of muscle and with warm, long hair, from Puget Sound to San Diego. Because men, groping in the Arctic darkness, had found a yellow metal, and because steamship and transportation companies were booming the find, thousands of men were rushing into the Northland. These men wanted dogs, and the dogs they wanted were heavy dogs, with strong muscles by which to toil, and furry coats to protect them from the frost.
  Il richiamo della foresta
Buck non leggeva i giornali, altrimenti avrebbe saputo che guaio si stava preparando non soltanto per lui, ma per tutti i cani da marea e da acqua, forti di muscoli e con caldo pelo lungo , da Puget Sound a San Diego. Infatti gli uomini brancolando nelle tenebre artiche avevano trovato un metallo giallo e, poiché navi a vapore e compagnie di navigazione avevano divulgato il ritrovamento , migliaia di persone si stavano precipitando verso la terra del Nord. Questi uomini avevano bisogno di cani; e i cani di cui avevano bisogno erano robusti, con muscoli forti per lavorare e pelo folto per difendersi dal gelo.

 

Martin Eden
The one opened the door with a latch-key and went in, followed by a young fellow who awkwardly removed his cap. He wore rough clothes that smacked of the sea, and he was manifestly out of place in the spacious hall in which he found himself. He did not know what to do with his cap, and was stuffing it into his coat pocket when the other took it from him. The act was done quietly and naturally, and the awkward young fellow appreciated it. “He understands,” was his thought. “He’ll see me through all right.”
He walked at the other’s heels with a swing to his shoulders, and his legs spread unwittingly, as if the level floors were tilting up and sinking down to the heave and lunge of the sea.
  Martin Eden
Uno aprì la porta con una chiave piatta ed entrò, seguito da un giovane che si levò il berretto in modo strano. Indossava rozzi panni che puzzavano di mare ed era palesemente fuori posto nell’atrio spazioso in cui si trovava. Non sapeva che fare del berretto e se lo stava cacciando nella tasca della giubba, quando l’altro glielo prese. Il gesto fu compiuto con calma e naturalezza e lo strano giovane lo apprezzò. “Capisce”, fu il suo pensiero “mi accudirà come si deve”.
Camminò alle calcagna dell’altro con un dondolio nelle spalle e con le gambe allargate inconsapevolmente, come se i pavimenti piani si alzassero e sprofondassero con il gonfiarsi e l’affondare del mare.

 

The stars rover

All my life I have had an awareness of other times and places. I have been aware of other persons in me. Oh, and trust me, so have you, my reader that is to be. Read back into your childhood, and this sense of awareness I speak of will be remembered as an experience of your childhood. You were then not fixed, not crystallized. You were plastic, a soul in flux, a consciousness and an identity in the process of forming-ay, of forming and forgetting.

  Il vagabondo delle stelle

Tutta la vita ho avuto la consapevolezza di altri tempi e luoghi. Sono stato consapevole di altre persone in me.  Oh, e credimi, anche tu lo sei stato, tu che stai per essere mio lettore.  Rileggi la tua infanzia, e questa sensazione di consapevolezza di cui sto parlando, ti tornerà in mente come un’esperienza della tua infanzia. Non eri fisso, allora,  non eri cristallizzato. Eri plastico, un’anima nel flusso, una consapevolezza e un’identità nel processo del divenire – sì, divenire e dimenticare.

 

White fang
Dark spruce forest frowned on either side the frozen waterway. The trees had been stripped by a recent wind of their white covering of frost, and they seemed to lean towards each other, black and ominous, in the fading light. A vast silence reigned over the land. The land itself was a desolation, lifeless, without movement, so lone and cold that the spirit of it was not even that of sadness. There was a hint in it of laughter, but of a laughter more terrible than any sadness – a laughter that was mirthless as the smile of the sphinx, a laughter cold as the frost and partaking of the grimness of infallibility. It was the masterful and incommunicable wisdom of eternity laughing at the futility of life and the effort of life. It was the Wild, the savage, frozen-hearted Northland Wild.
But there was  life, abroad in the land and defiant. Down the frozen waterway toiled a string of wolfish dogs. Their bristly fur was rimed with frost.
  Zanna Bianca
L’oscura foresta di abeti si accigliava su tutte e due le rive del corso d’acqua gelato. Gli alberi erano stati spogliati da un vento recente della loro bianca copertura di gelo, e parevano appoggiarsi l’uno all’altro, neri e minacciosi nella luce che svaniva. Un vasto silenzio regnava sulla terra. La terra in sé era una desolazione, senza vita, senza movimento, così solitaria e fredda che lo spirito di lei non era neppure quello della tristezza. Vi era in esso una accenno di risata, ma una risata più terribile di ogni tristezza – una risata senza gioia come il sorriso della sfinge, una risata fredda come il gelo, e che aveva qualcosa dalla truce infallibilità. Era l’imperiosa e incomunicabile sapienza dell’eterno che deride la futilità della vita e lo sforzo della vita. Era il Selvaggio in essenza, la selvaggia terra del Nord dal cuore congelato.
Ma c’era vita, su quella terra, e sfida. Lungo il corso d’acqua gelato faticava una fila di cani lupeschi. Il loro pelo ispido era uno strato di ghiaccio.

 

e l’ape del prato:

Emily Dickinson

 

This World is not Conclusion.
A Species stands beyond —
invisible, as Music —
but positive, as Sound —
it beckons, and it baffles —
Philosophy — don’t know —
and through a Riddle, at the last —
Sagacity, must go —
to guess it, puzzles scholars —
to gain it, Men have borne
contempt of Generations
and Crucifixion, shown —
Faith slips — and laughs, and rallies —
blushes, if any see —
plucks at a twig of Evidence —
and asks a Vane, the way —
much Gesture, from the Pulpit —
strong Hallelujahs roll —
narcotics cannot still the Tooth
that nibbles at the soul —

 

 

 

 

 

 

Questo Mondo non è Conclusione.

C’è un Ordine oltre –

invisibile, come la Musica –

ma positivo, come il Suono –

invita, e sconcerta –

Filosofia – non so –

e in un Enigma, alla fine –

Sagacia, deve andare –

indovinarlo, fa arzigogolare alunni –

ottenerlo, Uomini sopportarono

disprezzo di Generazioni

e la Crocifissione, fu data –

Fede scivola – e ride, e recupera –

arrossisce, se qualcuno veda –

coglie un ramo di Evidenza –

e chiede a un Vano, la via –

molto Gesticolare, dal Pulpito –

forti Hallelujah ruotano –

narcotici non tacitano il Dente

che rode intorno l’Anima –

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Can’t take my eyes off of you, canzonetta leggera

Can’t take my eyes off of you
You’re just too good to be true.
Can’t take my eyes off of you.
You’d be like heaven to touch. I wanna
hold you so much. At long last love has
arrived. And I thank God I’m alive. You’re
just too good to be true. Can’t take my
eyes off of you.

Pardon the way that I stare. There’s nothing
else to compare. The sight of you leaves me
weak. There are no words left to speak.
But if you feel like I feel please let me know
that it’s real. You’re just too good to be true.
Can’t take my eyes off of you.

(Coro)
I need you baby, if it’s quite all right,
I love you baby, you warm a lonely night. I love
you baby. Trust in me when I say It’s OK: Oh pretty
baby, don’t let me down I pray. Oh pretty
baby, now that I found you, stay. And let me
love you, oh baby let me love you, oh baby….

(x2) (Coro)

I need you baby, and if it’s quite all right,
I love you baby, you warm a lonely night. I love
you baby. Trust in me when I say: It’s OK Oh pretty
baby, don’t let me down I pray. Oh pretty
baby, now that I found you, stay. And let me
love you, oh baby let me love you, oh baby….
I need you baby, and if it’s quite all right,
I love you baby, you warm a lonely night. I love
you baby. Trust in me when I say: It’s OK Oh pretty
baby, don’t let me down I pray. Oh pretty
baby, now that I found you, stay. And let me
love you, oh baby let me love you, oh baby.

Non riesco a staccar gli occhi da te

Sei proprio troppo per esser vero.
Saresti come il cielo da toccare.
Voglio tanto tenerti. Alla fine l’amore è arrivato.ringrazio Dio di esser vivo.
Scusa il modo in cui ti fisso. Non c’è niente a cui paragonare.
La vista di te mi lascia debole. Non rimangono parole da poter dire.
Ma se senti come sento io ti prego fammi sapere che è reale.
Sei proprio troppo per esser vero.
Non riesco a staccar gli occhi da te.

Ho bisogno di te bimba se è tutto perfettamente a posto
Ti amo bimba tu scaldi una notte solitaria.
Fidati quando dico : è OK. Oh bella bimba
Non deludermi ti prego, ora che ti ho trovato rimani.
E fatti amare, o bimba, fatti amare da me.

 

 

can’t take my eyes off you, frank sinatra

http://www.youtube.com/watch?v=sPUBg9Mx-W4&feature=player_detailpage

 

 

 

can’t take my eyes off you, gloria gaynor

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=jAuehrLD_jE

 

e il Nostro Nobel

ve lo avevo predetto, sapevatelo

(text & testo tradotto, vedi qui sotto)

Love minus zero

/no limits

 

My love she speaks like silence
without ideals or violence
she doesn’t have to say she’s faithful
yet she’s true like ice like fire
People carry roses
and make promises by the hours
my love she laughs like the flowers
valentines can’t buy her

.

In the dime stores and bus stations
people talk of situations
read books repeat quotations
draw conclusions on the wall
Some speak of the future
my love she speaks softly
she knows there’s no success like failure
and that failure’s no success at all

.

The cloak and dagger dangles
madams light the candles
in ceremonies of the horsemen
even the  pawn must hold a grudge
Statues made of matchsticks
crumble into one another
my love winks she does not bother
she nows too much to argue or to judge

.

The bridge at midnight trembles
the country doctor rambles
banker’s nieces seek perfection
expecting all the gifts that wisemen bring
The wind howls like a hammer
the night blows cold and rainy
my love she’s like some raven
at my window with a broken wing

.

.

Amore meno zero

/senza limiti

.

.

Il mio amore lei parla come il silenzio

senza ideali o violenza

non ha da dire che è fedele

ma è vera come ghiaccio come fuoco

La gente porta rose

e fa promesse ogni buonora

il mio amore lei ride come i fiori

i  sanvalentini non la possono comprare.

.

Nelle botteghe da poco e stazioni

parlano di situazioni

leggono ripetono citazioni

scrivono conclusioni sui muri

Parlano di futuri

il mio amore lei parla dolcemente

sa che non c’è successo come il fallimento

e che il fallimento non è affatto il successo.

.

Il mantello e il pugnale penzola

madame accendono le candele

in cerimonie dei cavalieri

persino la pedina deve tener rancore

Statue fatte di fiammiferi

si sbriciolano una sull’altra

il mio amore fa cenno lei non se ne cura

lei sa troppo per discutere o giudicare

.

Il ponte a mezzanotte trema

il dottore di campagna passeggia

le nipoti del banchiere cercano perfezione

aspettano tutti i doni che i saggi portano

Il vento ulula come un martello

la notte soffia fredda e piovosa

il mio amore lei è come un corvo

alla mia finestra con un’ala spezzata

 

bobdylan

:

:

:

Himno al mar

Oh mar! oh mito! oh largo lecho!
Y sé por qué te amo. Sé que somos muy viejos.

Que ambos nos conocemos desde siglos.
Sé que en tus aguas venerandas y rientes ardió la aurora de la Vida.
(En la ceniza de una tarde terciaria vibré por primera vez en tu seno).
Oh proteico, yo he salido de ti.
¡Ambos encadenados y nómadas;
Ambos con un sed intensa de estrellas;
Ambos con esperanzas y desengaños;
Ambos, aire, luz, fuerza, obscuridades;
Ambos con nuestro vasto deseo y ambos con nuestra grande miseria.

.

Oh mare! oh mito! oh largo letto!
E so perché ti amo. So che siamo molto vecchi.
Che entrambi ci conosciamo da secoli.
So che nelle tue acque venerabili e ridenti arse l’aurora della Vita.
(Nella cenere di una sera terziaria vibrai la prima volta nel tuo seno.)
Oh proteico, io sono uscito da te.
Entrambi incatenati e nomadi;
Entrambi con una sete intensa di stelle;
Entrambi con speranze e delusioni;
Entrambi, aria, luce, forza, oscurità;
Entrambi con il nostro vasto desiderio e entrambi con la nostra grande miseria.

.

… su primer poema conocido, “Himno al mar”, escrito en el estilo de Walt Whitman, fue publicado en la revista Grecia el 31 de diciembre de 1919.

A vent’anni.

C. Mc Carthy, Suttree

Suttree
Dear friend now in the dusty clockless hours of the town when the streets lie black and steaming in the wake of the watertrucks and now when the drunk and the homeless have washed up in the lee of walls in alleys or abandoned lots and cats go forth highshouldered and lean in the grim perimeters about, now in these sootblacked brick or cobbled corridors where lightwire shadows make a gothic harp of cellar doors no soul shall walk save you.
Suttree
Caro amico adesso nelle polverose ore senza tempo della città quando le strade si stendono nere e fumanti nella scia delle camionette innaffiatrici e adesso che l’ubriaco e il senzatetto si sono dileguati al riparo di muri nei viali o nei terreni abbandonati e i gatti avanzano ingobbiti e magri in questi lugubri dintorni, adesso su questi mattoni anneriti di fuliggine o viuzze di acciottolato dove le ombre dei fili della luce disegnano arpe gotiche sulle porte degli scantinati non camminerà anima viva salvo te.
(Traduzione: Chiara Adezati)

Poe, The murders in the Rue Morgue

The murders in the Rue Morgue
The mental features discoursed of as the analytical, are, in themselves, but little susceptible of analysis. We appreciate them only in their effects. We know of them, among other things, that they are always to their possessor, when inordinately possessed, a source of the liveliest enjoyment. As the strong man exults in his physical ability, delighting in such exercises as call his muscles into action, so glories the analyst in that moral activity which disentangles. He derives pleasure from even the most trivial occupations bringing his talent into play. He is fond of enigmas, of conundrums, hieroglyphics; exhibiting in his solutions of each a degree of acumen which appears to the ordinary apprehension praeternatural. His results, brought about by the very soul and essence of method, have, in truth, the whole air of intuition.
I delitti della Via Morgue
Le facoltà mentali che sono chiamate analitiche sono, di per sé, poco suscettibili di analisi. Le valutiamo  solo nei loro effetti. Fra l’altro, sappiamo che per coloro che le possiedono , se pure possedute disordinatamente, sono una fonte di vivissima gioia. Come l’uomo forte esulta della sua abilità fisica dilettandosi in quegli esercizi che mettono in azione i muscoli, così si gloria un uomo di mente analitica in quell’attività morale che sa districare.  Trova piacere anche nelle più triviali occupazioni se fanno entrare in azione il suo talento. Adora  gli enigmi, gli indovinelli, i geroglifici, mostrando nella soluzione di ognuno un grado di acume che alle persone normali sembra soprannaturale. I risultati ottenuti dall’anima e dall’essenza stessa del metodo, hanno, in verità tutta l’aria di una intuizione.

(Traduzione: Chiara Adezati)

Preferisco tradurre che passeggiare

The pit and the pendulum
.

I was sick – sick unto death with that long agony; and when they at length unbound me, and I was permitted to sit, I felt that my senses were leaving me. The sentence – the dread sentence of death – was the last of distinct accentuation which reached my ears. After that, the sound of the inquisitorial voices seemed merged in one dreamy indeterminate hum. It conveyed to my soul the idea of revolution – perhaps from its association in fancy with the burr of a mill wheel.

Il pozzo e il pendolo
.

Ero sfinito, sfinito mortalmente da quella lunga agonia, e quando alla fine mi sciolsero e mi permisero di sedere, sentii che i sensi mi abbandonavano. La sentenza, la spaventosa sentenza di morte, fu l’ultima cosa che con accento distinto giunse alle mie orecchie. Dopo di questo, il suono delle voci degli inquisitori sembrò immerso in un mormorio indefinito di sogno. Suggeriva alla mia anima l’idea della rotazione, forse perché le associavo, nella fantasia,  la fresa  di una ruota di mulino.
(Traduzione: Chiara Adezati)

A spizzichi e bocconi

The narrative of Arthur Gordon Pym
.

Upon my return to the United States a few months ago, after the extraordinary series of adventure in the South Seas and elsewhere, of which an account is given in the following pages, accident threw me into the society of several gentlemen in Richmond, Virginia, who felt deep interest in all matters relating to the regions I had visited, and who were constantly urging it upon me, as a duty, to give my narrative to the public. I had several reasons, however, for declining to do so, some of which were of a nature altogether private, and concern no person but myself; others not so much so. One consideration which deterred me was that, having kept no journal during a greater portion of the time in which I was absent, I feared I should not be able to write, from mere memory, a statement so minute and connected as to have the appearance of that truth it would really possess, barring only the natural and unavoidable exaggeration to which all of us are prone when detailing events which have had powerful influence in exciting the imaginative faculties.

Il racconto di Arthur Gordon Pym

Tornato negli Stati Uniti pochi mesi fa, dopo un’incredibile serie di avventure nei mari del Sud e altrove, di cui viene fornito un resoconto nelle pagine che seguono, feci per caso la conoscenza di alcuni gentiluomini di Richmond, in Virginia, i quali mostrarono grande interesse per tutto ciò che riguardava le regioni da me visitate e insistettero per convincermi, quasi si trattasse di un passo doveroso, a rendere pubblico il mio racconto. Vi erano tuttavia vari motivi per rifiutare, e tra questi alcuni assolutamente privati, che riguardavano me soltanto, e altri che non lo erano affatto. Una considerazione che mi tratteneva, poiché non avevo tenuto un diario durante la gran parte della mia assenza, era che temevo di non riuscire a scrivere, affidandomi semplicemente alla memoria, un resoconto così dettagliato e connesso da possedere l’apparenza di quella verità che realmente aveva, escluse solo le esagerazioni naturali e inevitabili alle quali tutti noi siamo inclini quando si tratta di descrivere eventi che hanno avuto potente influenza di eccitare le facoltà immaginative.
(Traduzione: Chiara Adezati)

Stuzzichino:Poe, Lo scarabeo d’oro

The golden bug

Many years ago, I contracted an intimacy with a Mr. William Legrand. He was of an ancient Huguenot family, and had once been wealthy; but a series of misfortunes had reduced him to want. To avoid the mortification consequent upon his disasters, he left New Orleans, the city of his forefathers, and took up his residence at Sullivan’s Island, near Charleston, South Carolina. This island is a very singular one. It consists of little else than the sea sand, and is about three miles long. Its breadth at no point exceeds a quarter of a mile. It is separated from the main land by a scarcely perceptible creek, oozing its way through a wilderness of reeds and slime, a favorite resort of the marsh hen.

Lo scarabeo d’oro

Molti anni fa mi legai in stretta amicizia con un certo signor William Legrand. Discendeva da un’antica famiglia ugonotta ed un tempo era stato ricco;  ma una serie di sventure l’avevano ridotto in stato di bisogno. Per evitare l’umiliazione derivata dai suoi disastri, aveva lasciato Nuova Orleans, la città dei suoi avi, e si era stabilito nell’isola di Sullivan, presso Charleston, nella Carolina del Sud. Quest’isola è molto particolare. Non consiste quasi di altro che di sabbia marina ed è lunga circa tre miglia. La sua larghezza non eccede in alcun punto il quarto di miglio. E’ separata dalla terraferma da un canale appena visibile che si apre la via attraverso una distesa selvaggia di canne e di melma, risorsa  favorita di galline di palude.
(Traduzione: Chiara Adezati)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: