Jorge Luis Borges, Everness

Everness

Sólo una cosa no hay. Es el olvido.
Dios, que salva el metal, salva la escoria
y cifra en Su profética memoria
las lunas que serán y las que han sido.

Ya todo está. Los miles de reflejos
que entre los dos crepúsculos del día
tu rostro fue dejando en los espejos
y los que irá dejando todavía.

Y todo es una parte del diverso
cristal de esa memoria, el universo;
no tienen fin sus arduos corredores

y las puertas se cierran a tu paso;
sólo del otro lado del ocaso
verás los Arquetipos y Esplendores.

 

Sempritudine

 

Solo una cosa non è data. L’oblio.

Dio, che salva il metallo, salva la scoria

e cifra nella Sua profetica memoria

le lune che saranno e che son state.

Già tutto c’è. Le migliaia di riflessi

che fra i due crepuscoli del giorno

il tuo viso lasciò negli specchi

e quelli che andrà lasciando ancora.

E tutto è una parte del diverso

cristallo di questa memoria, l’universo;

non hanno fine i suoi ardui corridoi

e le porte si chiudono al tuo passo;

solo dall’altro lato del tramonto

vedrai gli Archetipi e Splendori.

 

El immortal, J.L.Borges da El Aleph

*

En Londres, a principios del mes de junio de 1929, el anticuario Joseph Carthapilus, de Esmirna, ofreció a la princesa de Lucinge los seis volúmenes en cuarto menor (1715-1720) de la Ilíada de Pope. La princesa los adquirió; al recibirlos, cambió unas palabras con él. Era, nos dice, un hombre consumido y terroso, de ojos grises y barba gris, de rasgos singularmente vagos. Se manejaba con fluidez e ignorancia en diversas lenguas; en muy pocos minutos pasó del francés al inglés y de inglés a una conjunción enigmática de español de Salónica y de portugués de Macao. En octubre, la princesa oyó por un pasajero del Zeus que Cartaphilus había muerto en el mar, al regresar a Esmirna, y que lo habían enterrado en la isla de Ios. En el último tomo de la Ilíada halló éste manuscrito.
A Londra, all’inizio del mese di giugno del 1929, l’antiquario Joseph Cartaphilus, di Smirne, offrì alla principessa di Lucinge i sei volumi in quarto minore (1715-1720) dell’Iliade di Pope. La principessa li acquistò;  nel riceverli scambiò qualche parola con lui. Era, ci dice, un uomo consunto e terroso, dagli occhi grigi e dalla barba grigia, dai tratti singolarmente vaghi. Si destreggiava con scioltezza e ignoranza in diverse lingue; in pochi minuti passò dal francese all’inglese e dall’inglese ad un congiungimento enigmatico di spagnolo di Salonicco e portoghese di Macao. Nell’ottobre la principessa seppe da un passeggero dello Zeus che Cartaphilus era morto in mare, nel tornare a Smirne, e che l’avevano seppellito nell’isola di Ios. Nell’ultimo tomo dell’Iliade trovò questo manoscritto.

Musica popolare: dal repertorio dei QUARANTAGRADI

.

.www.youtube.com/watch?v=ddRtx81iQP8&feature=mfu_in_order&list=UL

.

..

 

Caravane

Prenez les papiers

on y va travailler

et faire la fete

et voir les colegues

on se vois Chez Riton

dans le clando3x

on se vois cha

.

Allez, allez chajadla

allez, allez (caravane) 4x

.

Et la bande a jojo

met le feu met le feu

et dans la cantine

avec Monique a

manger a manger

on se vois Chez Riton

dans le clando 3x

on se vois cha

.

Allez, allez chajadla

allez, allez (caravane) 4x

.

C’est la caravane

la caravane des cuartiers

c’est la caravane

qu’elle me plait,

qu’elle me plait!!!

on se vois Chez Riton

dans le clando3x

on se vois cha

.

Allez, allez chajadla

allez, allez (caravane) 4x

Caravane caravane

Caravane te quiero

Nanana nanana

en el mundo entiero 2x

Allez allez allez allez

Allez allez caravane a.l.

 

.

Prendete le carte

si va a lavorare

e a far festa

e a vedere i colleghi

ci si vede da Riton

dai  clandestini 3x

ci vediamo cha!

.

Forza, forza chajadla

forza, forza (carovana)   4x

.

E la banda a jojo

mette fuoco

e nella taverna con Monique

a mangiare a mangiare

.

Forza, forza chajadla

forza, forza (carovana)   4x

.

E’ la carovana

la carovana dei quartieri

quanto mi piace

.

Carovana carovana

carovana ti amo

Nananà nananà

per il mondo intero   2x

Forza, forza, …, forza, carovana

Forza, forza, forza,…, carovana 2x

.

.

.

 

VULUMBRELLA

.

Fatte molla e no cchiù ddura
pò ca si’ formosa e bella
ca ogne fica vulumbrella
a ‘sto tiempo s’ammatura.
.

Fatte doce e no cchiù amara,
nun te fa’ vedere acerba
e non esser tanto brava,
fatte umile e no superba.
.

Mò ca è verde la toja erba
e lu munno renovella,
ca ogne fica vulumbrella
a ‘sto tiempo s’ammatura.
.

E mò ca sì mmeza ammullata,
e tra fronne fai la guerra
nun aspettare ca si’ seccata
e che cade in chiana terra.
.

Fa’ ca po’ da te se sferra,
ca sì tosta fredda e bella,
ca ogne fica vulumbrella
a ‘sto tiempo s’ammatura.
.

pa pa pa pa pa pa pa pa pa pa pa pa

 

 

.

Acerbetta

.

Fatti molle e non più dura

dacchè sei formosa e bella

chè ogni fico acerbetto

in questa stagione matura.

.

Fatti dolce e non più amara

non farti vedere acerba

e non esser tanto brava

fatti umile e non superba.

.

Or che è verde la tua erba

e il mondo si rinnovella

perché ogni fico acerbetto

in questa stagione matura.

.

E ora che sei mezz’ammorbidita,

e tra le fronde fai la guerra,

non aspettare di esser secca

e di cadere sulla piana terra.

.

Fai che un po’ da te si sprigioni,

perché sei tosta fresca e bella,

perché ogni fico acerbetto

a questa stagione matura.

.

.

 

Fel Shara, sephardic turkish “Joke-Song” (A Cabaret song)

Fel Shara canet betet masha
la signorina aux beaux yeux noirs
como la luna etait la sua facia
qui eclairait le boulevard

Volevo parlar shata metni
because her father was a la gare
y con su umbrella darabetni
en reponse a mon bonsoir

Perche’ my dear tedrabini
kuando yo te amo kitir
and if you want tehebini
il n’y a pas lieu de nous conquerir

Totta la notte alambiki
et meme jusqu’au lever du jour
and every morning ashtanaki
pour le voue de notre amour…

 

 

The beautiful girl with black eyes walked in the street…her face was like the moon and lighted all the boulevard. I wanted to speak to her…but she insulted me because her father was in the station…in answer to my greetings she beat me with her umbrella. Why did you hit me..my love? You know that I love you so much..If you want to show me your love we haven’t any other way to meet ! I’ll wait for you all night long and till sunrise..and the same every morning…till our love will triumph!

Passeggiava per la strada la bella ragazza dagli occhi neri…la sua faccia era come la luna che rischiarava i viali. Volevo parlarle ma lei m’insultò perché suo padre era in stazione e in risposta al mio saluto mi picchiò con l’ombrello. Perché mi colpisti, mio amore? Sai che ti amo tanto e se vuoi mostrarmi il tuo amore non c’è luogo in cui ci possiamo incontrare!   Ti aspetterò tutta la notte e fino all’alba e lo stesso ogni mattina finché trionfi il nostro amore….

.

.

Pourquoi ces canons

Pourquoi, pourquoi ces canons, au bruit étonnant
Pourquoi, pourquoi ces canons, pour faire la guerre, mon enfant

Pourquoi, pourquoi plus souvent, qu’on ne l’imagine
Faisons-nous la guerre aux gens ça fait marcher les usines

Pourquoi, pourquoi ces usines, qui n’ont rien qui vaille
Pourquoi, pourquoi ces usines ça donne aux gens du travail

Pourquoi, pourquoi ce travail, dur et fatigant
Pourquoi, pourquoi ce travail c’est pour gagner de l’argent
.

Pourquoi, pourquoi cet argent est-il donc si bon
Pourquoi, pourquoi cet argent pour acheter des canons

Pourquoi, pourquoi ces canons, qui nous coûtent tant
Pourquoi, pourquoi ces canons pour faire la guerre, mon enfant

.

Perchè perchè questi cannoni

Perchè perchè questi cannoni, dal rumor tonante

Perchè perchè questi cannoni per far la guerra bambino mio

Perchè perchè più spesso di quanto s’immagini

Facciamo guerra alla gente, questo fa funzionar le fabbriche

Perchè perché queste fabbriche che non han niente che valga

Perchè perché queste fabbriche questo dà alla gente del lavoro

Perchè perché questo lavoro duro e stancante

Perchè perché questo lavoro , è per guadagnare dei soldi

Perchè perché questi soldi son proprio così buoni

Perchè perché questi soldi è per comprare dei cannoni

Perchè perchè questi cannoni che ci costano tanto

Perchè perchè questi cannoni per far la guerra bambino mio

.

.

Ciranda

Se tento correr o tempo pára
se páro pra ver o mundo anda
ele vem bater na minha cara
A vida é sempre essa cirandaSe a noite me traz uma tristeza
o dia vem cheio de alegria
O que falo agora com certeza
há pouco não sei se eu diriaEu quero gritar ninguém me escuta
está tudo preso na garganta
Às vezes me cansa tanta luta
e é pra não chorar que a gente cantaA gente canta
A gente cantaEu vi uma luz no fim do túnel
Enchi de esperança o coração
A luz que lá estava foi chegando
Era um trem carregado de ilusãoAndando só na corda bamba
Não temo o futuro da nação
A gente que sempre dançou samba
Enfrenta qualquer divisãoA gente canta
A gente canta.

.

.

.

.

Giostra
.

Se cerco di correre il tempo si ferma

se mi fermo a guardare il mondo cammina

viene a sbattermi in faccia

La vita è sempre questa giostra.

.

Se la notte mi prende una tristezza,

il giorno vien pieno d’allegria

Quel che dico ora con certezza

fra poco non so se lo direi

.

Voglio gridare nessuno mi ascolta

mi resta tutto in gola

a volte mi stanca tanta lotta

e è per non piangere che la gente canta

.

La gente canta

.

Vidi una luce in fondo al tunnel

riempii di speranza il cuore

la luce che c’era si spense

era un treno carico di illusioni

.

Camminando da solo sul filo del rasoio

non temo il futuro della nazione:

la gente che sempre danzò il samba

affronta qualunque divisione.

.

.

Xente

.

.

Olla a rúa de atrás
olla o chan oe o mar
olla os que xa no están
oe o bardo cantar

.

Oe o son do andar
son os que veñen sen pan
saen do seu despertar
collidos da túa man

.

Ollame óllate
olla os ollos dos que ven
ven de ti ven de mim
óllame óllate

.

xente que vai soa
xente que vai embora

xente que namora a
xente

.

xente diferente
xente intelixente

xente intermitente
xente

.

xente divertida
xente distendida
xente a túa medida
xente

.

xente que comprende
xente que sorprende
xente que no se vende
xente

.

.

.

Gente..Guarda la strada da dietroguarda il piano ascolta il mare

guarda quelli che non ci sono più

ascolta il bardo cantare

.

Ascolta il suono del camminare

sono quelli che vengono senza pane

s’accorgono del loro risveglio

colti dalla tua mano

.

Guardami guardati

guarda quelli che vengono

vengono da te vengono da me

guardami guardati

.

gente che va sola

gente che va via

gente che innamora la gente

.

gente diversa

gente intelligente

gente intermittente

gente

.

gente divertita

gente distesa

gente a modo tuo

gente

.

gente che comprende

gente che sorprende

gente che non si vende

gente

.

.

.

A FESTA

Já falei tantas vezes   Do verde nos teus olhos

Todos os sentimentos            Me tocam a alma            Alegria ou tristeza

Espalhando no campo, no canto, no gesto   No sonho, na vida

Mas agora é o balanço            Essa dança nos toma

Esse som nos abraça, meu amor

O teu corpo moreno            Vai abrindo caminhos

Acelera meu peito,   Nem acredito            No sonho que vejo

E seguimos dançando            Um balanço malandro

E tudo rodando            Parece que o mundo             Foi feito pra nós

Nesse som que nos toca.

Me abraça, me aperta                   Me prende em tuas pernas

Me prende, me força, me roda, me encanta                      Me enfeita num beijo

Pôr-do-sol e aurora             Norte, sul, leste, oeste

Lua, nuvens, estrelas            A banda toca                 Parece magia

E é pura beleza             E essa música sente

E parece que a gente            Se enrola, corrente

E tão de repente você tem a mim !

Me abraça, me aperta …

Já falei tantas vezes               Do verde nos teus olhos

Todos os sentimentos me tocam a alma               Alegria ou tristeza

Espalhando no campo, no canto, no gesto   No sonho, na vida

Mas agora é o balanço            Essa dança nos toma

Você tem a mim ...

.

La festa

.

Ho già detto tante volte del verde nei tuoi occhi

Tutti i sentimenti  toccano l’anima allegria o tristezza

Si diffondono nel campo, nel canto, nel gesto, nel ogno, nella vita

Ma ora c’è equilibrio, questa danza ci prende, questo suono ci abbraccia, mio amor

Il tuo corpo bruno va aprendo cammini, accelera il mio petto

E non credo al sogno che vedo

E continuiamo a danzare l’equilibrio malandrino, e tutto ruota

Sembra che il mondo sia fatto per noi in questo suono che ci tocca

Abbracciami , aprimi, prendimi fra le tue gambe

Prendimi forzami ruotami incantami adornami con un bacio

Tramonto e aurora

Nord sud est ovest

Luna nuvole stelle

La banda suona sembra magia

E è pura bellezza senti questa musica sembra che la gente

corra il vento e allora improvvisa mi possiede

Abbracciami..

.

.

Lela

Están as nubes chorando
por un amor que morréu.
Están as rúas molladas,
de tanto como chovéu.
.
Lela, Lela,Leliñapor quen eu morro
quero mirarme
nas meniñas dos teus ollos.
.
Non me deixes
e ten compasión de min.
Sen ti non podo,
sen ti non podo vivir.
.
Dame alento das túas palabras,
dame celme do teu corazón,
dame lume das túas miradas
dame vida co teu dulce amor.
.
Lela, Lela…
Sen tí non podo,
sen tí non podo vivir..

.

Stanno piangendo le nuvole
per un amore che finisce,
le strade sono bagnate
per tutto il mio pianto.

.

Lela, Lela, Lelina,

per cui io muoio
voglio vedermi riflesso

nella luce dei tuoi occhi.

Non lasciarmi,

e abbi compassione di me.
Senza te non posso,

non posso vivere.

.

Dammi respiro con le tue parole
dammi calore col tuo cuore
dammi luce con il tuo sguardo
dammi vita con il tuo dolce amore.

 

Himno al mar

Oh mar! oh mito! oh largo lecho!
Y sé por qué te amo. Sé que somos muy viejos.

Que ambos nos conocemos desde siglos.
Sé que en tus aguas venerandas y rientes ardió la aurora de la Vida.
(En la ceniza de una tarde terciaria vibré por primera vez en tu seno).
Oh proteico, yo he salido de ti.
¡Ambos encadenados y nómadas;
Ambos con un sed intensa de estrellas;
Ambos con esperanzas y desengaños;
Ambos, aire, luz, fuerza, obscuridades;
Ambos con nuestro vasto deseo y ambos con nuestra grande miseria.

.

Oh mare! oh mito! oh largo letto!
E so perché ti amo. So che siamo molto vecchi.
Che entrambi ci conosciamo da secoli.
So che nelle tue acque venerabili e ridenti arse l’aurora della Vita.
(Nella cenere di una sera terziaria vibrai la prima volta nel tuo seno.)
Oh proteico, io sono uscito da te.
Entrambi incatenati e nomadi;
Entrambi con una sete intensa di stelle;
Entrambi con speranze e delusioni;
Entrambi, aria, luce, forza, oscurità;
Entrambi con il nostro vasto desiderio e entrambi con la nostra grande miseria.

.

… su primer poema conocido, “Himno al mar”, escrito en el estilo de Walt Whitman, fue publicado en la revista Grecia el 31 de diciembre de 1919.

A vent’anni.

Pierre Menard, autor del Quijote, cuento. Con nota.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Se, come afferma Pierre Menard, leggere è riscrivere, allora rileggere che cos’è?

Un altro libro ancora? Ecco Babele. Con la biblioteca non si finisce mai.

Dunque addentriamoci.

*

…Hasta aquí (sin otra omisión que unos vagos sonetos circunstanciales para el hospitalario, o ávido, álbum de madame Henri Bachelier) la obra visible de Menard, en su orden cronológico. Paso ahora a la otra: la subterránea, la interminablemente heroica, la impar. También, ¡ay de las posibilidades del hombre!, la inconclusa. Esa obra, tal vez la más significativa de nuestro tiempo, consta de los capítulos noveno y trigésimo octavo de la primera parte del Don Quijote y de un fragmento del capítulo veintidós. Yo sé que tal afirmación parece un dislate; justificar ese “dislate” es el objeto primordial de esta nota.

Fino qui (senza altra omissione che alcuni vaghi sonetti circostanziali per l’ospitale, o avido, album di Madame Henri Bachelier) l’opera visibile di Menard, nel suo ordine cronologico. Passo ora all’ altra: la sotterranea, l’interminabilmente eroica, la senza pari. Inoltre, ahi delle possibilità dell’uomo!, l’inconclusa. Questa opera, forse la più significativa del nostro tempo, consta dei capitoli nono e trentottesimo della prima parte del Don Chisciotte e di un frammento del capitolo ventidue. So che questa affermazione sembra un nonsenso;  giustificare questo ” nonsenso ” è l’oggetto primordiale di questa nota.

.

Pierre Menard, autor del Quijote, cuento. – Jorge Luis Borges , 1939 El jardín de senderos que se bifurcan (1941)

.

No menos asombroso es considerar capítulos aislados. Por ejemplo, examinemos el xxxviii de la primera parte, “que trata del curioso discurso que hizo don Quixote de las armas y las letras”.

La presa di posizione, anzi lo spezzare una lancia a favore delle armi, potrà sconcertare ma non può ingannare. Proviene da un uomo di lettere, risaputamene dedito alla Biblioteca, consacrato alla lettura. Se ciò non bastasse, reo confesso e in primis in questo racconto ma anche altrove. In dispregio dell’ideologia, di tutte le opinioni, professa “exacto reverso”, il contrario e l’opposto di quanto “preferisce”. Il verbo preferire, al riguardo, relativizza se possibile, ancor più lo schierarsi effimero, nella vita, così come il fanatismo e l’intolleranza. Problemi di un problema. Le sue frasi sono spade, sono taglienti, sono a doppio taglio.
Perché lo scrittore è tenuto a prendere posizione, se no è all’acqua di rose; perfino la forza di scrivere discende da un prendersi sul serio, darsi importanza, fino all’inevitabile se pur contenibile narcisismo di ogni artista, scoglio di ogni artista. Pavoneggiarsi, darsi arie è un deterrente per il sincero lettore, è controproducente, un pericolo da evitare. Ma nemmeno si vorrà cadere nell’estremo opposto, dello scrittore ‘un tanto a cartella’, del cattivo opinionista, di chi non dice nulla. Una minestra riscaldata annacquata della risciacquatura da gavettoni.

Perché abbia fiamma il suo testo, Borges è pronto a prendere partito per questo o per quello, salvo poi dichiarare candidamente di non annettevi alcuna importanza: non è qualunquista. Se mai pensiamolo una tecnica,  come un mettersi in direzione dell’eternità, dell’immenso e dell’ignoto, da cui tutto si relativizza, la divergenza rimpicciolisce, e le parallele si incontrano. Siamo oltre le nostre piccole logiche.

Anche in questo racconto, come accade altre volte nella sua opera, Borges si dichiara favorevole all’ambiguo, dice di ritenerlo una ricchezza, una pluralità del mondo. Occorre leggere con molta attenzione e saper discernere. Non ci rimane che ricordare quanto appare evidente dopo una certa frequentazione: Borges nasce timido. L’atteggiamento di un timido risulta spesso ambiguo o non immediatamente decifrabile. Lo vedremo declamare con enfasi quando la sua stessa ironia rivela che non è del tutto convinto. Sono prove di declamazione. Ma vedremo con la sensibilità che in un certo altro punto quasi arrossisce in volto, ne è schivo perché lo sa intimo. Allora, come se dovesse trafugarlo, per pudore, inserisce un pensiero sentito con forza, ma lo inserisce quasi di soppiatto nel suo discorso. Facendo sembiante di parlar d’altro, maschera un pensiero profondo come inciso in un contesto che non è in stretta relazione con esso. Sorge all’improvviso a colpirci, frase ad effetto, in una secondaria di un periodo la cui principale nasce solo allo scopo di supportarla. Evita di sbandierare. Questa è un’estetica. Borges si crogiolerà se mai in essa, però senza mai tradirla. Così, nel parlato come nello scritto, l’enfasi del tono andrà piuttosto interpretata che subita. Un modo anche questo per intrigare il lettore.

.

Miguel de Cervantes Saavedra

El Ingenioso hidalgo Don Quijote de la Mancia

En un lugar de la Mancha, de cuyo nombre no quiero acordarme, no ha mucho tiempo que vivia un hidalgo de los de lanza en astillero, adarga antigua, rocin flaco y galgo corredor. Una olla de algo màs vaca que carnero, salpicón las màs noches, duelos y quebrantos los sábados, lantejas los viernes, algún palomino de añadidura los domingos , consumian las tres partes de su hacienda. El resto della concluían sayo de velarte, calzas de velludo para las fiestas, con sus pantuflos de lo mesmo, y los dias de entresemana se honraba con su vellorí de lo màs fino.

L’ingegnoso nobiluomo Don Chisciotte della Mancia

In un luogo della Mancia, il cui nome non voglio ricordare, viveva non è gran tempo un nobiluomo di quelli con lancia nella rastrelliera, scudo antico, ronzino fiacco e un levriere da corsa. Un piatto di qualcosa, più vacca che castrato, frittata il più delle sere, spezzatino il sabato, lenticchie il venerdì, qualche  piccioncino per soprappiù la domenica, esaurivano i tre quarti dei suoi averi. Al resto davano fondo la zimarra di castorino, i calzoni di velluto per le feste, con le corrispondenti controscarpe  dello stesso velluto, e i giorni della settimana poi si onorava con l’orbace del più fino.
(Traduzione: Chiara Adezati)

Francisco de Quevedo, El siglo de oro

STAMPA SALVA

in Lotta di Classico di Massimo Sannelli:

prego, servitevi!

https://lottadiclassico.files.wordpress.com/2018/02/sal.pdf

.

.

da Poemi amorosi e morali,  sette sonetti

Versione dallo spagnolo – con testo originale – di Chiara Adezati,

(per raccoglierlo clicca qui:)

https://chiaraadezati.files.wordpress.com/2018/02/francisco-de-quevedo-setteson.pdf

 

Indice

Con el ejemplo del fuego enseña a Alexi pastor, cómo se ha de resistir al amor en su principio

A Roma sepultùada in sus ruinas

Desde la Torre

Goza el campo de primavera templada y no el corazòn enamorado

Amor constante màs allà de la muerte

Significa la Propia Brevedad de la Vida, Sin Pensar y con Padecer, Salteada de la Muerte

A Daphne, huyendo de Apollo           (non compresa nella racc. Einaudi)

To Daphne, fleeing from Apollo           @alixingber

 

.

Desde la torre

.

Retirado en la paz de estos desiertos,

Con pocos, pero doctos libros juntos,

vivo en conversaciòn con los difuntos

y escucho con mis ojos a los muertos.

.

Si no siempre entendidos, siempre abiertos,

o enmiendan, o fecundan mis asuntos;

y en mùsicos callados contrapuntos

al sueno de la vida hablan despiertos.

.

Las grandes almas que la muerte ausenta,

de injurias de los anos, vengadora,

libra, oh gran Josef, docta la emprenta.

.

En fuga irrevocable huye la hora;

pero aquella el mejor calculo cuenta

que en la lecciòn y estudios nos mejora.

.

Dalla torre

.

Ritirato nella pace di questi deserti,

con pochi, però dotti, libri per compagni,

vivo in conversazione con i defunti,

e ascolto coi miei occhi i morti.

.

Se non sempre intesi, sempre aperti,

o correggono o fecondano i miei assunti;

e in musicali silenti contrappunti

al sogno della vita parlano svegli.

.

Le grandi anime che la morte rende assenti,

dalle ingiurie degli anni, vendicatrice,

libera, o gran don Josef, dotta la stampa.

.

In fuga irrevocabile fugge l’ora;

però quella il miglior calcolo conta

che nella lezione e negli studi ci migliora.

.

A Roma sepultada en sus ruinas

.

Buscas en Roma a Roma, oh peregrino,

y en Roma misma a Roma no la hallas:

cadaver son las que ostentò murallas,

y tumba de sì proprio el Aventino.

.

Yace donde reinaba el Palatino;

y limadas del tiemplo las medallas,

màs se muestran destrozo a las batallas

de las etades que blàson latino.

.

Sòlo el Tiebre quedò, cuya corriente,

si ciudad la regò, ya sepoltura

la llora con funesto son dolente.

.

Oh Roma, en tu grandezza, en tu hermosura,

huyò lo que era firme, y solamente

lo fugitivo permanece y dura.

.

A Roma sepolta nelle sue rovine

.

Cerchi Roma a Roma, o pellegrino,

e in Roma stessa Roma non la trovi:

cadaveri sono quelle che ostentò mura,

e tomba di sè stesso l’Aventino.

.

Giace dove regnava il Palatino;

e limate dal tempo le medaglie,

più si mostrano distruzione di battaglie

delle età che blasone latino.

.

Solo il Tevere restò, la cui corrente,

se l’irrigò città, ora sepolcro

la piange con funesto suon dolente.

.

Roma, nella tua grandezza, nella tua bellezza,

fuggì ciò che era fermo, e solamente

ciò che è fuggitivo permane e dura.

.

Goza el campo de primavera templada

y no el corazòn enamorado

.

Ya titulò el verano ronca sena;

vuela la grulla en letra, y con alas

escribe el viento, y en parlerai galas

Progne cantora su dolor desdena.

.

Semblante azul y alegre el cielo ensena,

limpìo de nubes y impresionas malas ;

y si a estruendo marcial despierta Palas,

Flora convida al sueno en blanda grena.

.

La sed aumenta el sol creciendo el dìa;

de la càrcel del yelo desatado,

templa el arroyo el ruido en armonia.

.

Yo solo, oh Lisi, a pena destinado,

y en encendido inverno l’alma mia,

ardo en la nieve y yèlome abrasalo.

.

Gode il campo della primavera temperata

e non il cuore innamorato

.

Già annunciò la primavera un rauco segno;

vola la gru come una lettera e con le ali

scrive nel vento, e in ciarliere gale

Progne canora il suo dolore disdegna.

.

Sembiante azzurro e allegro il cielo mostra,

limpido da nubi e impressioni cattive;

e se a insegnamento marziale sveglia Pallade,

Flora invita al sonno, in modo blando acconciata.

.

La sete aumenta il sole al crescere del giorno;

dal carcere del gelo liberato,

tempera il ruscello il rumore in armonia.

.

Io solo, o Lisi, alla pena destinato,

e in incendiato inverno l’anima mia,

ardo nella neve e mi gelo bruciato.

.

.

Amor constante màs allà de la muerte

.

Cerrar podrà mis ojos la postrera

sombra que me llevare el blanco dìa,

y podrà desatar esta alma mìa

hora a su afàn ansioso lisonjera;

.

mas no, de esotra parte, en la ribera,

dejarà la memoria, en donde ardìa:

nadar sabe mi llama la agua frìa,

y perder el respeto a ley severa.

.

Alma a quien todo un dios prisiòn ha sido,

venas que humor a tanto fuego han dado,

medullas que han gloriosamente ardido,

.

su cuerpo dejaràn, no su cuidado;

seràn ceniza, mas tendrà sentido;

polvo seràn, mas polvo enamorado.

.

.

Amore costante ben oltre la morte

.

.

Chiudere potrà i miei occhi l’estrema

ombra che mi toglierà il bianco giorno,

e potrà slegare questa anima mia

l’ora che il suo affanno ansioso lusinga;

.

ma non da questa parte della sponda

lascerà la memoria di cui arse:

nuotare sa la mia fiamma l’acqua fredda

e perdere rispetto di una legge severa.

.

Anima per la quale tutto un dio è stato una prigione,

vene che umore a tanto fuoco han dato,

midolla che gloriosamente arsero,

.

il loro corpo lasceranno, non la loro passione;

saranno cenere, ma avranno sentimento;

polvere saranno, ma polvere innamorata.

.

.

A Dafne, huyendo de Apolo

«Tras vos un alquimista va corriendo,
Dafne, que llaman sol ¿y vos, tan cruda?
Vos os volvéis murciégalo sin duda,
pues vais del sol y de la luz huyendo.

Él os quiere gozar a lo que entiendo
si os coge en esta selva tosca y ruda,
su aljaba suena, está su bolsa muda,
el perro, pues no ladra, está muriendo.

Buhonero de signos y planetas,
viene haciendo ademanes y figuras
cargado de bochornos y cometas».

Esto la dije, y en cortezas duras
de laurel se ingirió contra sus tretas,
y en escabeche el sol se quedó a oscuras.

*
To Daphne, fleeing from Apollo

“An alchemist is running after you,
Daphne, he’s called the sun, and you’re so rude?
Without a doubt you’re acting like a bat,
since Sun and light you so swiftly elude.

He plans to have you, as I understand it,
if he can catch you in this forest dark:
his quiver’s noisy, but his purse is voiceless;
the dog must be near death, since it won’t bark.

A hawker of the signs and of the planets,
he’s making funny faces, gesturing,
all laden down with steamy days and comets.”

This I said; and to stiff laurel bark
she grafted herself on, to flee his wiles,
and the sun, pickled, was left in the dark.

(©Alix Ingber)
*


A Dafne che fugge Apollo

Dietro di voi un alchimista corre,
Dafne, che chiaman sole, e voi? tanto crudele?
Certo diventerete pipistrello,
perché andate fuggendo sole e luce.

Egli vuole godervi, a quanto intendo,
se vi prende in questo bosco selvaggio,
fischia la faretra, la borsa è muta,
il cane se non latra sta morendo.

Ambulante tra i segni e d i pianeti,
viene gesticolando le figure
carico di vampate e di comete.”

Questo le dissi, e in cortecce dure
di lauro si trasformò contro i trucchi,
piccato, il sole fu lasciato in ombra.

*

.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: