Rubaiyat (troppe maiuscole! cercatevele nell’originale)

Omar Khayyam, Rubaiyat

Awake! for Morning in the Bowl of Night
Has flung the Stone that puts the Stars to Flight:
And Lo! the Hunter of the East has caught
The Sultan’s Turret in a Noose of Light.

Dreaming when Dawn’s Left Hand was in the Sky
I heard a voice within the Tavern cry,
“Awake, my Little ones, and fill the Cup
Before Life’s Liquor in its Cup be dry.”

And, as the Cock crew, those who stood before
The Tavern shouted — “Open then the Door!
“You know how little while we have to stay,
“And, once departed, may return no more.”

Now the New Year reviving old Desires,
The thoughtful Soul to Solitude retires,
Where the White Hand of Moses on the Bough
Puts out, and Jesus from the Ground suspires.

Iram indeed is gone with all its Rose,
And Jamshyd’s Sev’n-ring’d Cup where no one Knows;
But still the Vine her ancient ruby yields,
And still a Garden by the Water blows.

*

Dèstati che nella coppa della notte la mattina

ha gettato la pietra che fuga le stelle:

e guarda! Il cacciatore dell’est ha preso

la torre del sultano in un laccio di luce.

*

Sognavo quando la mano sinistra dell’alba era in cielo

che sentivo una voce piangere nella taverna,

“svegliatevi, miei piccoli, riempite la coppa

prima che il liquore della vita nella sua coppa sia a secco”.

*

E appena il gallo cantò, quelli che stavano davanti

alla taverna gridarono—“ apri la porta allora!

lo sai quanto poco possiamo restare,

e una volta partiti potremmo non tornare più.”

*

Ora che l’anno nuovo ravviva vecchi desideri

l’anima pensosa si ritira nella solitudine

dove la mano bianca di Mosè sul cespuglio

spiazza, e Gesù dal profondo sospira.

*

Iram è davvero andato, con tutta la sua rosa

e la coppa dai sette anelli di Jamshhyd dove nessuno sa,

ma il vino mantiene ancora l’antico rubino

e ancora un giardino fiorisce presso l’acqua.

*

da Edward FitzGerald

Translations © chiaraadezati

*

Rabia, X sec., Sufi, (donna).

*

 *
Brothers, my peace is in my aloneness.
My Beloved is alone with me there, always.
I have found nothing in all the worlds
that could match His love,
this love that harrows the sands of my desert.

*

Fratelli, la mia pace è nel mio essere sola.

Là il mio amato è solo con me, sempre.

Non trovai nulla in tutti i mondi

che possa somigliare al Suo amore,

questo amore che scava le sabbie del mio deserto.

*

(dalla traduzione inglese di Andrew Harvey)

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: